Pasquale Balassone: un Sulmonese Americano caduto in Francia

 

Pubblico su richiesta di una sua discendente, Maria Balassone :

“Noi diventiamo grandi coi sogni. Tutti i grandi uomini sono sognatori.” WOODROW WILSON .

È certo, Pasquale Balassone covava il sogno di Pace, di libertà e di speranza, quando a soli 17 anni partì da Sulmona alla volta di Filadelfia (USA) , con una valigia carica di sogni. Sogni di libertà che lo spingono per amor di Patria ad arruolarsi nella 54 CMP pionieri WASHINGTON. Un unico desiderio ha spinto il nostro compaesano sulmonese ad indossare l’uniforme da

Soldato, la pace. Pasquale il 2 ottobre 1918 muore in combattimento in Francia. Papà Salvatore e mamma Anna hanno vissuto il resto della loro vita con il dolore più grande che si possa provare, la perdita di un figlio.

Chissà quali immagini sbiadite siano passate in quei brevi attimi nella mente di Pasquale, la mamma, il papà, la ragazza di Sulmona a cui si era promesso sposo, Nessuno lo sa e nessuno lo saprà mai. Ma una cosa è certa, che il 26 settembre 1922 la bara del pioniere Balassone ritorna a casa, avvolta nel tricolore ed esposta nella cattedrale di San Panfilo. Il giorno dopo in forma solenne vengono resi gli ONORI civili e militari al nostro Pasquale, che viene accolto da due ali di folla commossa e profondamente colpita per quanto accaduto al proprio concittadino. La frase su citata del presidente Wilson racchiude l’essere di Pasquale Balassone. Lo stesso presidente che firma con mano propria l’attestato di servizio del nostro Soldato. Sulla lapide della sua tomba presso il cimitero di Sulmona c’è scritto : ” Pasquale Balassone di Salvatore, Soldato dell’ Esercito Americano, morto sui campi di Francia per assi

curarci i doni più sacri, libertà e pace. Qui riposa ammonendo I rimasti : Sappiate se occorre come me morire”.

2 commenti:

  1. Un piccolo grande uomo che prematuramente ha sacrificato il massimo per amor di patria!

  2. Marco Di Silvestro

    Un piccolo grande uomo che prematuramente ha sacrificato il massimo per amor di patria!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *