Alpino dell’anno: AB UNO DISCE OMNES (Virgilio, Eneide)

 

Mi permetto di fare una piccola introduzione:

Mi chiedo perchè il riconoscimento delle doti morali di un commilitone emozionano e coinvolgono tutti gli Alpini in Armi e in congedo. Forse perchè siamo tutti animati dallo stesso spirito di fratellanza e della voglia di dare sempre un aiuto morale e materiale a chi sta in difficoltà. Ricordare tutti gli episodi cui gli Alpini hanno dimostrato la loro solidarietà verso chi si trovava in difficoltà è quasi impossibile ma mi piace ricordare un episodio della Grande Guerra quando sui monti del Trentino, quota 2700 inverno 1916, una valanga si abbattè su di una trincea austriaca di Alpen-Jogger e i nostri Alpini non solo non aprirono il fuoco sugli Austriaci che erano usciti dai rifugi ma, armati di pale, si precipitarono ad aiutare quegli uomini che la politica aveva armati gli uni contro gli altri. Mi ha commosso l’entusiasmo, lo slancio e il calore con cui il Gen. Marcello Bellacicco si congratula con Di Rocco.  (Francesco Scipione)

 

 

 

Ed ecco.. Quel giorno è arrivato, chissà che emozione hai provato amico mio. Grande Peppi’,

si ti voglio chiamare Peppino e non Giuseppe, perché tu sei nostro, sei di tutti i colleghi che sempre ti chiedono e ai quali tu sempre dai senza mai chiedere niente in cambio.

Oggi è stato il tuo giorno, il tuo momento, quello che non dimenticherai mai, che conserverai dentro di te come un bene rifugio. Sei abituato al salire sul podio dei vincitori con i tuoi sci, ma questo è diverso. Vederti sul quel palco con il generale Marcello Bellacicco, grande comandante e grandissimo uomo ci rende fieri di te. Hai reso onore a tutto l’Abruzzo e a tutti noi. Grazie Peppí.

(Pasqualino Pagliafora)

3 commenti:

  1. Marco Di Silvestro

    Grande alpino…grande uomo!

  2. Gen. Marcello BELLACICCO

    Premiare un Alpino è sempre una grande gioia perché è bello avere la possibilità di riconoscere la generosità, la serietà e l’impegno, tutte doti che contraddistinguono gli uomini e le donne che portano il Cappello. Tuttavia, devo dire che quest’anno l’emozione è stata veramente particolare, perché il SM DI ROCCO, oltre che un ottimo e valente Militare, è di fondo una brava persona. Lo si capisce dalla semplicità dei Suoi modi, dal Suo sguardo sempre sereno e sorridente e da quella sana e cristallina umiltà che anima ogni Suo atteggiamento. Lui era felice di ricevere il premio, ma anche tanto emozionato. Emozione pura, schietta e sincera che solo i grandi d’animo sanno e possono vivere! Sono orgoglioso di Lui, sono orgoglioso di esserGli stato accanto in un momento così bello della Sua vita, come uomo e come Alpino. Infine, da Comandante con tanti anni di esperienza di uomini, posso dire che potendo contare su collaboratori come Lui, nulla ci è precluso ed è possibile fare qualsiasi cosa, al servizio della nostra gente! Caro SM DI ROCCO sei un grande uomo e un grande Alpino! Grazie!

  3. Ci sono poche parole x dire tutto a una persona… Sei un grande… Ed è un onore essere un tuo amico è soprattutto class..auguroni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *